Tripudi rosa non lontani da Tokyo: parchi nel Kanto settentrionale con saponaria, glicine e altri fiori

In primavera non fioriscono solo i ciliegi (ma và?) e senza allontanarsi troppo da Tokyo è possibile visitare parchi con fioriture molto spettacolari di diversi tipi di fiori. Qui sotto ho tradotto la tabella delle fioriture di japan-guide (a questo link):

tabellafiori

Come potete osservare il muschio rosa e il glicine fioriscono mediamente dopo ciliegi e tulipani, e permettono di osservarli in tutto in loro splendore a fine Aprile/Maggio. Il “muschio rosa” (Shibazakura) altro non è che la saponaria rosa in italiano, cioè piccoli fiorellini rosa molto “fitti” che se piantati in gran quantità e molto ravvicinati danno l’idea di una distesa rosa:

 Qui sotto vi faccio alcune proposte in ordine di importanza e accessibilità.

1 – Chichibu Hitsujiyama Park.

Il Parco Hitsujiyama a Chichibu è sicuramente uno dei più famosi in questo senso. E’ famoso per il pink moss, cioè appunto immense distese di saponaria rosa/bianca: più di 400,000 fiori! Alle spalle del parco si staglia il Monte Buko. La parola “Shibazakura” letteralmente significa “prato di fiori di ciliegio” perchè l’aspetto è simile a quello di tanti fiori di ciliegio sul suolo, in inglese invece viene chiamato “pink moss” e cioè muschio rosa/prato rosa. Insomma, chiamatelo un po’ come vi pare! 🙂
Ogni anno si divertono a creare forme diverse utilizzando i fiori bianchi e quelli rosa, ad esempio in questa foto del 2013 si distinguono facilmente dei cuoricini. Durante la Golden Week questo parco è solitamente affollatissimo.

Foto da zoomingjapan

Foto da zoomingjapan

Sito ufficiale : link. Sito in giapponese con qualche info in inglese. Da qui potete seguire le fioriture “passo-passo”
Distanza da Tokyo: circa 90 min di viaggio con opzione più rapida
Ingresso: Di solito libero, nel periodo di fioritura rosa costa 300 yen.
Apertura: dalle 08.00 alle 17.00
Accesso: Da Tokyo/Ikebukuro si può prendere un treno della Seibu (Limited Express) fino alla stazione Yokoze (75 min, 1340 yen, un treno ogni ora), dalla quale si raggiungere il parco a piedi in circa 20 min.  Per chi ha il JPR conviene invece uno shinkansen da Ueno a Kumagaya (30 min, 3000 yen ma compreso nel JPR) e qui prendere un treno della Linea Chichibu fino alla stazione Ohanabatake (70 min, 840 yen, non compreso nel JPR), la quale dista circa 20 minuti a piedi dal parco.

2 –  Ashikaga Flower Park: il glicine dà spettacolo

Questo parco è uno dei posti miglior per vedere il glicine: il glicine in giapponese si chiama fuji, proprio come il vulcano ma pronunciato diversamente. Si trova nella città di Ashikaga. Questo parco è famoso soprattutto per il glicine (wisteria in inglese), tanto è vero che nel periodo di fioritura di questo fiore (inizio Maggio) può essere davvero affollatissimo. Oltre al glicine ci sono tantissimi altri tipi di fiore, tra i quali (coevi come fioriture) azalee e rododendri. Sono presenti in particolare due glicini “giganti” centenari che sono un vero spettacolo!

Immagine dal sito ufficiale

Foto da report di japan-guide

Sito ufficiale : link. Sito in inglese ricco di informazioni.
Distanza da Tokyo: circa 70 min di viaggio con opzione più rapida
Ingresso: dai 300 ai 1700 yen (a seconda della stagione, in Aprile Maggio prezzo massimo, info qui)
Apertura: dalle 09.00 alle 18.00
Accesso: Ci sono due possibilità, arrivare utilizzando la JR (compresa nel JPR) o la linea Tobu. La JR (Vanno vene sia linea Utsonomiya, sia la Shonan-Shinjuku, sia lo shinkansen Tohoku) la prendete alla Tokyo Station, bisogna arrivare fino ad Oyama e lì cambiare e prendere un treno sempre JR della Ryomo Line, fino alla stazione Tomita (quella successiva ad Ashikaga ma più vicina al Parco, 15 min a piedi). La linea Isesaki della Tobu si prende invece ad Asakusa e va diretta ad Ashikagashi (se si prende il Limited Express Ryomo, costa 2000 yen e impiega 70 min. Dalla stazione c’è una navetta per il parco (300 yen) ma non tutti i giorni.

3 – The Treasure Garden Tatebayashi

Oltre alla saponaria, nel medesimo periodo sono in fiore anche papaveri e nemophila: quest’ultima, che si presenta sottoforma di fiorellini blu, ha una sua collocazione nella parte del parco chiamata “Blue Garden” (nella mappa in alto a destra). A fine Maggio possono essere già in fase di fioriture stupende varietà di rose.

Da sito ufficiale

Foto dal sito ufficiale

Blue Garden, foto dal sito ufficiale

Sito ufficiale : link. Sito solo in giapponese, ma la mappa interattiva (che ho inserito qui sopra come immagine, ma sul sito ufficiale è cliccabile) fa capire molto bene di che cosa si tratta con bellissime gallery.
Distanza da Tokyo: circa 1 ora
Ingresso: Prezzo variabile, in piena fioritura circa 1500 yen.
Apertura:
Accesso: Da Tokyo prendere un Limited Express della Tobu ad Asakusa e arrivare alla stazione Tatebayashi (1 ora, 1860 yen, 2 treni ogni ora), da lì occorre prendere un taxi (10 minuti, 1500 yen circa).

4 – Ota Hokubu Sports Park

Questo parco altro non è che un parco pubblico della città di Ota, all’interno del quale sono presenti numerosi campi sportivi circondati da colline dove sono piantate diverse varietà di fiori: non solo saponaria ma anche diversi tipi di altri colori. In questo parco ogni anno c’è lo  Shibazakura festival che dura fino al 12 Maggio (nel 2015) e quindi ci sono stand per mangiare e per acquistare prodotti a tema. Tuttavia rispetto alle altre mete suggerite questo è particolarmente lontano e forse meno spettacolare.

Sito ufficiale : non pervenuto
Gallery fotografica : qui
Distanza da Tokyo: circa 2 ore
Ingresso: libero, trattandosi si un parco pubblico
Apertura: 8.30 – 17.15
Accesso:  Joetsu Shinkansen da Tokyo fino a Takasaki (1 ora) e cambiare prendendo un treno della JR Ryomo Line fino alla Yamamae Station (1 ora), entrambi compresi nel JPR. Da quella stazione taxi fino al parco (1800 yen, 15 min). Oppure prendere un Limited Express Tobu Ryomo da Asakusa ad Ota, e qui cambiare e prendere un locale per la Stazione di Jiroembashi. Da qui 30 minuti di camminata fino al parco. Il viaggio dura 2 ore e non è coperto dal JPR.

 

[Kyoto] Haradani-en: un giardino privato aperto durante l’hanami

Hanami! Quante volte ne abbiamo parlato? Tante (1,2,3…), ma mai abbastanza. A Kyoto, e più precisamente nella zona nord-ovest (dove c’è il Padiglione d’Oro, per intenderci), c’è l’Haradani-en, un giardino privato che apre i battenti solo in occasione delle fioriture stagionali. Non si trova sulle guide e la maggior parte dei visitatori è giapponese, ma dalle foto che potete vedere (questa la gallery del sito ufficiale) vi accorgerete quant’è bello. In questo articolo come sempre vi dirò come arrivarci, informazioni utili, caratteristiche e come inserirlo all’interno del vostro itinerario.

Fonte: sito ufficiale

Cos’è. Si tratta di un parco privato di 13,000 mq con una vegetazione ricchissima e con tantissimi ciliegi di diverse varietà, più altri (azalee, rododendri, meli, ecc.ecc.). Le informazioni a disposizione non sono molte, essendo un posto meno battuto (turisticamente) degli altri: non solo perchè è meno conosciuto, ma anche perchè non è semplice da raggiungere (il metodo più facile per arrivarci è il taxi) trovandosi, tra l’altro, in cima a una collinetta; e soprattutto perchè il biglietto d’ingresso è abbastanza caro (1,200-1,500 yen).

Come raggiungerlo. L’indirizzo esatto è questo: Haradani-en – 36 Okita-yama, Haradani Inui-cho, Kita-ku, Kyoto. Lo trovate su Google Map. Si trova a circa 2,2 km dal Padiglione d’oro, il che lo rende raggiungibile anche a piedi  (30-40 minuti, in salita), ma l’alternativa migliore è il taxi, essendo così breve la corsa (5 min). Per quanto riguarda i mezzi pubblici, c’è questo bus M1 che parte dalla lontanissima stazione Kitaoji della metro (Karasuma Line) e arriva ad Haradani, facendo alcune fermate intermedie (una davanti al Kinkakuji, fermata Kinkakuji-michi).

Haradani-en-map

Informazioni. Aperto dalle 9 del mattino alle 17,00; ingresso 1200 yen durante la settimana/1500 yen durante fine settimane o giorni festivi. All’interno è possibile acquistare da bere e anche da mangiare diversi tipi di bento anche abbastanza lussiosi (con sushi di prima qualità). Quest’anno (2015) la specialità è questo bento:

Itinerario. Ovviamente questo bel parco è da visitare quando visiterete la zona nord-ovest della città, e quindi Kinkaku-ji e/o Ryoan-ji.

Spero di avervi dato un consiglio utile!

Hanami per ritardatari

I giapponesi sono molto accurati nelle previsioni per l’hanami, perchè per loro non è un evento qualsiasi. Di hanami ho già avuto modo di parlare diverse volte, e oltre alle previsioni per quest’anno (in questo articolo), ho pensato che potesse essere interessante anche scriverne uno dedicato ai ritardatari, cioè a chi per un motivo o per l’altro arriverà in Giappone appena troppo tardi (ovviamente non vale se arrivate a Giugno inoltrato :D) per beccare in pieno l’evento. A questo proposito japan-guide (la miglior risorsa in assoluto per chi deve partire, molto meglio di zugojapan) ha scritto un bell’articolo “Too late for cherry blossoms in Tokyo?” (Troppo tardi per la fioritura a Tokyo?) che vi linko qui. Inutile che io riproduca l’articolo senza nulla aggiungere, qui mi basta fare brevi accenni per coloro che si davano già per sconfitti :

Cosa fare se si arriva in ritardo? Tenendo sempre presente che la natura è IMPREVEDIBILE, i consigli validi sono :

1 – Fare una gita (in giornata) in luoghi vicini a Tokyo dove la fioritura è di norma successiva: o perchè sono a Nord o perchè sono mete ad altitudine più elevata. Per le destinazioni leggete qui: Takasaki, Maebashi, Monte Takao, Hakone, Matsumoto, Zona dei Cinque Laghi. In questi posti ad esempio la fioritura è da 1 a 2 settimane posticipata

2 – Alcune varietà di alberi hanno una fioritura più “tardiva”. Per un approfondimenti sui tanti tipi di ciliegi e di fiori vi consiglio di leggere quest’altro articolo. A Tokyo il posto dove questi alberi sono più numerosi è il Parco di Shinjuku, dove troverete alberi in fiore anche 3 settimane dopo “il picco”.

3 – Se siete proprio in ritardo potrebbe interessarvi raggiungere dei parchi con fioriture diverse dal ciliegio ma altrettanto spettacolari: vi linko questo articolo.

Per quanto riguarda invece i posti migliori per l’hanami vi rimando al mio vecchio articolo e a quello sul Monte Yoshino.

[Ne approfitto del fatto che questo articolo è così breve per aggiungere due righe off-topic: prima di tutto auguro buon viaggio a tutti coloro che mi hanno scritto e che sono in partenza; secondo mi fa piacere far sapere a tutti voi che il Giappone miete tantissimi successi, è vero infatti che ricevo tanti messaggi di persone tornate da poco dal loro primo viaggio e sono tutti innamorati di questo Paese, col cuore spezzato dal fatto di dover essere tornati a casa! Come vi capisco! Sinceramente, chi di voi conosce qualcuno che tornato dal Giappone abbia detto “che brutto posto, non ci torno di sicuro!”? Io, ad oggi, nessuno….!!!]

Previsioni hanami 2015

Come ogni anno ecco le previsioni fatte da japan-guide per l’hanami 2015. Attenzione: previsioni così in anticipo possono rivelarsi poi scorrette o potrebbe sempre esserci un cambio di rotta.

LINKS :
– Mio articolo su hanami dove/quando
 Articolo con altre info sull’hanami (ad esempio “quanto dura?”)
Monte Yoshino vicino a Nara, hanami hot spot
New: Sito ufficiale jappo per le previsioni. Oltre alla bella mappina colorata c’è una tabella con tutte le città giapponesi e le date (la pagina è in giapponese ma basta la traduzione automatica per renderla comprensibile)

PREVISIONI 2015 (aggiornate al 13 Marzo) : 

Dove Inizio Periodo migliore (top)
Tokyo  25 Marzo Dal 1 al 9 Aprile
Kyoto  27 Marzo Dal 2 al 10 Aprile
Fukuoka  21 Marzo Dal 28 Marzo al 5 Aprile
Osaka  27 Marzo Dal 2 al 10 Aprile
Nagoya  25 Marzo Dal 1 al 9 Aprile

Vi terrò aggiornati! 🙂

Parco di Ueno, 2010

Parco di Ueno, Tokyo

Quando andare in Giappone? Clima + Eventi

Questo articolo semplice ma essenziale vuole rispondere ad una domanda molto importante: quando andare in Giappone?

Come tutti voi sapete, il Giappone è più o meno alla nostra latitudine, quindi le stagioni si alternano e si caratterizzano esattamente come le nostre. Poichè però il Giappone è un’isola in mezzo all’oceano, esistono alcune differente importanti, come ad esempio l’esistenza di un periodo caratterizzato da forti pioggie (stagione dei tifoni) e un’estate tremendamente umida (simile alla nostra come temperature ma diversissima dall’idea di “caldo” che abbiamo noi), e così via.

Qui di seguito propongo quindi una carrellata dei vari mesi con indicazioni di massima su temperature e altro.
Ovviamente il periodo migliore per viaggiare è o durante la primavera o durante l’autunno, quando il clima è tendenzialmente mite e quando la natura mostra i suoi colori più belli, molto apprezzati dai giapponesi che ogni anno ne fanno letteralmente un grande evento!

Vi lascio anche il link in inglese della Japan Meteorological Agency dove potete trovare informazioni e previsioni del tempo.

Non vorrei sembrare limitativa a parlare, in questa sede, principalmente di temperature e clima. Se da un lato infatti ad un certo clima corrisponde un certo “aspetto” naturalistico (al quale, ricordiamolo, i giapponesi danno un’importanza ricca di significato), dall’altro sono anche altri gli elementi di rilievo nella scelta del momento giusto in cui partire, come ad esempio il calendario eventi. L’estate, ad esempio, un periodo dell’anno non proprio felice climaticamente parlando, offre però tanti eventi cui poter assistere (tra i quali, ad esempio, Gion Matsuri di Kyoto e Tenjin Matsuri di Osaka); a Natale/Fine anno si può festeggiare il Capodanno, a Gennaio si possono visitare Shirakawa-Go e Gokayama e le spettacolari illuminazioni notturne. Per questo nell’analisi dei vari mesi ho cercato di inserire anche gli eventi più importanti.

Stagione delle pioggie. Pro e contro. Prima di cominciare apro una parentesi sulla stagione delle pioggie: questo periodo è all’inizio dell’estate e si chiama tsuyu (o baiyu) che letteralmente significa “pioggia delle prugne” perchè coincide con il periodo di maturazione di questi frutti. Le pioggie sono causate dalla collisione di masse fredde provenienti dal nord con quelle calde provenienti da sud, che creano tempo instabile e spesso tanta pioggia. Le pioggie colpiscono più o meno tutto il Giappone esclusi Hokkaido e Okinawa, comunque in generale tutta la parte centrale. Mediamente il periodo in cui questa stagione si colloca è il seguente :

Regione Inizio Fine
Okinawa 8 Maggio 23 Giugno
Kyushu parte sud 29 Maggio 13 Luglio
Shikoku 4 Giugno 17 Luglio
Kinki (incl. Osaka, Kyoto) 6 Giugno 19 Luglio
Kanto (incl. Tokyo)  8 Giugno 20 Luglio
Tohoku parte nord 12 Giugno 27 Luglio

Durante questa stagione non piove tutti i giorni, ad esempio Tokyo ha una media di soli 12 giorni di pioggia nel mese di Giugno, contro le 120 ore di pieno sole. Anche quando piove può trattarsi di poche gocce. Tuttavia ovviamente possono capitare tifoni di particolare intensità, che hanno la potenza per bloccare la città o rendere impossibile girare normalmente e quindi visitarla, e per chi come noi ha a disposizione pochi giorni “contati” anche perderne solo un paio può essere veramente sgradevole.  Gli aspetti positivi sono invece che a Giugno molta gente evita di muoversi, e in più alcune attrazioni diventano anche affascinanti in questo periodo, ad esempio il Monte Koya può essere particolarmente nebbioso e quindi dall’aria mistica, e la zona di Hakone ricchissima in vegetazione e fiori (sebbene sarà difficile poter vedere il Monte Fuji), così come fare il bagno in una sorgente termale all’aperto mentre piove e ci sono grandi nuvoloni nel cielo è davvero un’esperienza unica.

Cominciamo…

Gennaio. L’inizio del nuovo anno è uno dei tre momenti dell’anno più vivaci turisticamente parlando*, con un’attività turistica intensa sia nazionale che internazionale: la maggior parte dei negozi, ristoranti, musei e attrazioni sono chiusi almeno un giorno tra il 29 Dicembre e il 4 Gennaio, per cui qualsiasi cosa vogliate fare è bene controllare anticipatamente se sarà possibile farla [ulteriori info sul mio articolo di Capodanno]. Gennaio di solito è freddo ma soleggiato e con poche pioggie, ideale per muoversi se non soffrite il freddo. Le giornate sono ovviamente corte (a Tokyo il sole tramonta verso le 5) e le nevicate abbastanza frequenti. A Gennaio Shirakawa-go e Gokayama vengono illuminate di notte in alcune date.
* I tre momenti dell’anno più frenetici (durante i quali si muovono molti giapponesi e quindi può essere difficile muoversi e spostarsi) sono appunto Fine/Inizio anno (dal 29 Dicembre al 4 Gennaio), la Golden Week ad Aprile [vedi Aprile] e l’Obon ad Agosto [vedi Agosto]. Questi periodi dell’anno sono di solito anche mediamente i più cari.

Tokyo : massima media 10 C° – minima media 2 C° / pioggia-neve 15% / soleggiato 75%
Takayama : massima media 3 C° – minima media -5 C° / pioggia-neve 50 / soleggiato 40%
Osaka : massima media 9 C° – minima media 3 C° / pioggia-neve 20% / soleggiato 55%

Febbario. Anche Febbraio è un mese soleggiato e asciutto, e i luighi di attrazione turistica non sono affollati. Le giornate però sono ancora brevi (tramonto a Tokyo ore 5:30 del pomeriggio) e la vegetazione è ancora in “letargo”. Febbraio è anche il mese delle nevicate, quindi adatto a chi vuole fare sport invernali o a cui piace la neve in generale (anche a Febbraio ci sono illuminazioni notturne a Ogimachi-Shirakawa-go). Le medie stagionali sono praticamente uguali a quelle di Gennaio.

Tokyo : massima media 10 C° – minima media 2 C° / pioggia-neve 20% / soleggiato 70%
Takayama : massima media 4 C° – minima media -5 C° / pioggia-neve 45% / soleggiato 45%
Osaka : massima media 9 C° – minima media 3 C° / pioggia-neve 20% / soleggiato 55%

Marzo. A Marzo cominciano le prime fioriture, come quelle dei pruni, e il clima diventa più mite. A fine Marzo apre ufficialmente la stagione delle fioriture, soprattutto verso sud. Nella seconda metà di Marzo iniziano anche le vacanze scolastiche. Per maggiori informazioni vi linko il mio articolo sull’hanami. Sempre a Marzo a Nara c’è l’Omizutori. A Kyoto invece uno dei due appuntamenti con l’hanatoro. A Tokyo l’AnimeJapan.

Tokyo : massima media 13 C° – minima media 5 C° / pioggia-neve 30% / soleggiato 60%
Takayama : massima media 9 C° – minima media -2 C° / pioggia-neve 45% / soleggiato 50%
Osaka : massima media 13 C° – minima media 5 C° / pioggia-neve 30% / soleggiato 60%

Aprile. Oltre a Novembre, Aprile è considerato il periodo migliore per visitare il Giappone, soprattutto a causa degli stupendi spettacoli colorati che la natura ci offre, con i ciliegi in fiore (hanami) in quasi tutte le regioni del Paese. Per questo motivo il turismo in questo mese aumenta (anche perchè perdurano le vacanze scolastiche), e in particolare inizia a fine mese la Golden Week (Settimana D’Oro dell’anno giapponese perchè nel giro di 7 giorni ci sono 4 delle più importanti ricorrenze/feste nazionali). Ad Aprile a Takayama si festeggia un bellissimo matsuri (spring festival)

Tokyo : massima media 18 C° – minima media 11 C° / pioggia-neve 35% / soleggiato 55%
Takayama : massima media 17 C° – minima media 3 C° / pioggia-neve 40% / soleggiato 55%
Osaka : massima media 20 C° – minima media 11 C° / pioggia-neve 30% / soleggiato 60%

Maggio. Come dicevo, a Maggio si conclude la Golden Week iniziata ad Aprile, quindi la prima settimana è una delle più movimentate (turisticamente parlando) dell’anno, con i suoi pro e contro (che potete leggere nell’articolo dedicato). La restante parte del mese è invece deliziosa per visitare il paese, perchè le temperature sono miti, la vegetazione è rigogliosa, e insomma si respira aria di primavera (e siccome tutti si sono mossi durante la Golden Week, non c’è in giro troppa gente!). Come eventi: Aoi Matsuri a Kyoto; a Tokyo Sanjia Matsuri e Kanda Matsuri.

Tokyo : massima media 23 C° – minima media 15 C° / pioggia-neve 35% / soleggiato 50%
Takayama : massima media 22 C° – minima media 9 C° / pioggia-neve 35% / soleggiato 55%
Osaka : massima media 24 C° – minima media 15 C° / pioggia-neve 30% / soleggiato 60%

Giugno. Dall’inizio di Giugno comincia la stagione delle pioggie (info all’inizio di questo articolo), questo forse non lo rende uno dei periodi migliori per partire. Tuttavia alcuni luoghi possono essere particolarmente “caratteristici”, come ad esempio il Koyasan. Nessun evento particolare da segnalare.

Tokyo : massima media 25 C° – minima media 19 C° / pioggia-neve 45% / soleggiato 30%
Takayama : massima media 26 C° – minima media 15 C° / pioggia-neve 40% / soleggiato 30%
Osaka : massima media 27 C° – minima media 20 C° / pioggia-neve 40% / soleggiato 35%

Luglio. La stagione piovosa si esaurisce verso la metà di Luglio, il clima è caldo e molto umido e si suda anche stando fermi. Inizia la stagione escursionistica delle scalate del Monte Fuji. Iniziano le vacanze estive scolastiche. Eventi: Kyoto, Gion Matsuri; Osaka, Tenjin Matsuri e Sumiyoshi Festival (30 Luglio-1 Agosto);Tokyo, fuochi artificiali sul fiume Sumida, Wakayama: Nachi Fire Festival

Tokyo : massima media 29 C° – minima media 23 C° / pioggia-neve 30% / soleggiato 30%
Takayama : massima media 29 C° – minima media 19 C° / pioggia-neve 50% / soleggiato 40%
Osaka : massima media 31 C° – minima media 24 C° / pioggia-neve 25% / soleggiato 55%

Agosto. Questo mese è bollente e umido, nulla a che vedere con le nostri estati che confronto a quelle giapponesi sono aride. Però Agosto è un mese ricco d’eventi, le vacanze scolastiche contribuiscono a far spostare più gente, e a metà mese c’è l’Obon Week (evento di origine buddhista dedicata alla commemorazione degli antenati, i cui spiriti tornano sulla terra per fare visita ai propri discendenti, i quali accendono dalle lanterne per indicare loro la via). Eventi: Tokyo, fuochi d’artificio; Kyoto: Daimonji (Gozan Fire Festival); Osaka : Sumiyoshi Festival (30 Luglio-1 Agosto)

Tokyo : massima media 31 C° – minima media 24 C° / pioggia-neve 25% / soleggiato 55%
Takayama : massima media 31 C° – minima media 20 C° / pioggia-neve 25% / soleggiato 60%
Osaka : massima media 33 C° – minima media 25 C° / pioggia-neve 20% / soleggiato 70%

Settembre. A fine Agosto e Settembre possono esserci dei tifoni, se particolarmente forti possono bloccare o congestionare le grandi città. Di solito i tifoni battono le regioni costiere a Okinawa o nel Kyushu, ma appuntono possono spingersi anche nelle città principali. Di solito pioggia e vento durano un paio di giorni e sono seguiti da giornate di sole splendente e cielo limpido. Rispetto ad Agosto, Settembre è un mese tranquillo, con temperature ancora calde e umide. A Settembre a Tokyo c’è il torneo di Sumo. A Kamakura c’è il Tsurugaoka Hachimangu Matsuri (16 Sett 2015). Il 21-22-23 Settembre è festa nazionale.

Tokyo : massima media 27 C° – minima media 21 C° / pioggia-neve 35% / soleggiato 40%
Takayama : massima media 26 C° – minima media 16 C° / pioggia-neve 40% / soleggiato 45%
Osaka : massima media 29 C° – minima media 21 C° / pioggia-neve 30% / soleggiato 55%

Ottobre. A Ottobre si festeggia il mio compleanno. No, dai, scherzo. Ottobre è un mese bellissimo per visitare il Giappone, perchè il clima è ancora abbastanza caldo ma non umido, e al nord o in montagna i colori iniziano a virare verso un meraviglioso vermiglio, momiji-gari (il picco sarà a Novembre). Eventi: Takayama, Matsuri d’autunno complementare a quello a primaverile (9-10 Ottobre); Kyoto: Jidai Matsuri (22 Ottobre), 12 Ottobre è festa nazionale (Giornata della salute e dello sport).

Tokyo : massima media 22 C° – minima media 15 C° / pioggia-neve 30% / soleggiato 55%
Takayama : massima media 20 C° – minima media 9 C° / pioggia-neve 30% / soleggiato 55%
Osaka : massima media 23 C° – minima media 15 C° / pioggia-neve 25% / soleggiato 65%

Novembre. Questo mese, oltre ad Aprile, è il migliore per visitare il Giappone. Se ad Aprile la fanno da padrona ciliegi e alberi in fiore, a Novembre è invece il rosso delle foglie autunnali che domina città e montagne. Le temperature sono in calo ma non troppo fredde, e il clima è secco. Esclusi i punti “top” considerati più belli in autunno, Novembre non è un periodo di grandi spostamenti di turisti. Link al mio articolo sui colori autunnali. Eventi: Utsonomiya: gyoza festival, primo week-end di Novembre, Altri. 15 Novembre è la giornata “Shichi Go San”.

Tokyo : massima media 17 C° – minima media 10 C° / pioggia-neve 20% / soleggiato 60%
Takayama : massima media 13 C° – minima media 2 C° / pioggia-neve 35% / soleggiato 45%
Osaka : massima media 17 C° – minima media 10 C° / pioggia-neve 25% / soleggiato 60%

Dicembre. A Dicembre fa freddo ma il clima è secco. Finchè non iniziano le festività e le vacanze scolastiche (23 Dicembre) è un mese tranquillo. Le ore di luce, però, diminuiscono (a Tokyo sole tramota alle 4.30 circa) e la vegetazione va in letargo. Dal 29 Dicembre al 4 Gennaio molte attività sono chiuse. Per ulteriori informazioni vi rimando al mio articolo sul Capodanno. Eventi qui (importante: hanatoro a Kyoto).

Tokyo : massima media 12 C° – minima media 5 C° / pioggia-neve 10% / soleggiato 75%
Takayama : massima media 6 C° – minima media -2 C° / pioggia-neve 40% / soleggiato 35%
Osaka : massima media 12 C° – minima media 5 C° / pioggia-neve 20% / soleggiato 65%

Per finire, alcune tabelle di Tokyo e Kyoto:

Temperature Kyoto durante l'anno

Temperature Kyoto durante l’anno

Temperature Tokyo durante l'anno

Temperature Tokyo durante l’anno

Precipitazioni Kyoto durante l'anno

Precipitazioni Kyoto durante l’anno

Precipitazioni Tokyo durante l'anno

Precipitazioni Tokyo durante l’anno

Monte Yoshino [Nara]: hanami hot spot!

Piccola introduzione noiosa che potete evitare: Salve a tutti, purtroppo in questo periodo sono impegnata dal punto di vista personale quindi non ho tutto il tempo che vorrei per occuparmi del blog (sigh). In cantiere ho diversi articoli ma sono lunghi da scrivere, quindi ci vorrà ancora un po’… tra gli articoli che vorrei scrivere tengo in particolar modo a due: quello sulla zona dei Cinque Laghi (vicino al Mt. Fuji) e quello sulle cascate Kengon (a nord di Nikko). Ne approfitto per ringraziare gli utenti che mi hanno scritto, sono davvero lieta di poter essere utile a chi ha deciso di organizzare il proprio viaggio da solo, dopotutto è il motivo per cui ho voluto zugojapan! Aggiungo (poi la smetto, giuro) che penso che quest’anno tornerò anche io in Giappone: in particolare sto studiando un itinerario bifasico. La prima settimana sarà a Tokyo, poi mi sposterò in treno verso Kyoto e Hiroshima (senza fermarmi, solo per un giorno). La seconda settimana andrò a Ovest/Sud, nel Kyushu, dove vorrei prendere a noleggio un’automobile: in particolare miro a Beppu. Qualcuno di voi ha mai pensato o fatto un giro del genere? Sono io ad aver bisogno di informazioni, stavolta!! 🙂

Dato il poco tempo, oggi ho sfornato questo breve articolo, utile a chi sta per partire e avrà la fortuna di essere in Giappone in tempo per la fioritura dei ciliegi. Il Mt.Noshino è forse il punto più famoso in Giappone da questo punto di vista!

Links :
– Mio articolo sull’hanami in generale
Previsioni per il 2014: hanami [che cerco di tenere aggiornato]
Info sul Mt.Noshino e l’hanami su Japan Monthly Web Magazine
– pagina di Japan-Guide su Yoshino in generale
Come arrivare? Leggi in fondo all’articolo!
– Bellissimo report fotografico del 2012 ed uno del 2011 per farvi un’idea di quanto sia spettacolare la zona
Sito ufficiale della città di Yoshino

Il monte Yoshino (Yoshinoyama) si trova nella Prefettura di Nara ed è uno dei punti più goduriosi per assistere alla fioritura dei ciliegi. Si dice che i primi alberi furono piantati qui addirittura 1300 anni fa, al giorno d’oggi sulla montagna sono presenti più di 30,000 ciliegi di diverse varietà (soprattutto varietà Yamazakura, una varietà selvatica dal colore rosa chiaro i cui fiori sono composti di solito da cinque petali). Arrivare a Yoshino richiede diverso tempo, partendo da Nara si è sicuramente avvantaggiati, ma mi sembra francamente impossibile pensare di poter vedere Nara e il Mt.Yoshino nello stesso giorno: una gita qui potrebbe essere una bella occasione per dormire a Nara, e proseguire la mattina dopo per Yoshino (da Yoshino potete poi recarvi ad Osaka, ad esempio).

Yamazakura

La zona è divisa in 4 aree: la Shimo Senbon alla base della montagna, salendo poi in ordine ci sono la Naka Senbon, la Kami Senbon e la Oku Senbon in cima alla montagna. I visitatori possono quindi scalare il monte e attraversare queste quattro zone ammirando i ciliegi (ci sono diversi punti con ottime visuali e praticamente ci si cammina in mezzo), si passa anche dalla bella città di Yoshino, che ha diversi santuari e templi.

Fonte : wa-pedia.com

Di solito il periodi di fioritura va da fine Marzo o inizio Aprile fino ad Aprile inoltrato. E’ piuttosto elevato come altitudine e le aree tra di loro possono avere fioriture diverse, spostate di un paio di giorni. In particolare quelli nell’area Oku Senbon saranno ovviamente gli ultimi a fiorire. Comunque, si sa, la fioritura è molto variabile ed è difficile fare previsioni putroppo!

L’area più bassa, la Shimo Senbon (lower), comprende la base della montagna e ivi si trova la Yoshino Station e la parte bassa della città. La Yoshino Ropeway (funicolare) permette di tagliar fuori la salite tra la stazione e la città, ma nei periodo di grande afflusso turistico l’attesa può essere molto lunga. L’alternativa è salire a piedi, godendo già della vista di molti bei ciliegi. Procedendo si arriva nell’area Naka Senbon, dove si trova il resto della città e ristoranti, negozi, santuari, tra cui il Kinpusenji e lo Yoshimizu. In particolare dallo Yoshimizu si gode una bella vista, famosa perchè tra le più belle. 

Fonte : japan-guide

Nella parte alta della Naka Senbon c’è il Naka Senbon Park (parco), perfetto per un pic-nic sotto agli alberi. Il parco è composto da tante piccole collinette piene di alberi fioriti, posto delizioso se si ha la fortuna di trovare bel tempo. Si giunge poi all’area Kami Senbon, la più elevata, praticamente fuori dalla città. Questa zona è di solito meno affollata delle precedenti e più tranquilla, anche qui ci sono vari punti dove si può fare un break. Altro punto panoramico eccelso si trova qui, il  Hanayagura View Point, che dista più o meno un’ora di cammino dalla stazione della funicolare.

Proseguendo ancora c’è la  Oku Senbon : quest’area è sicuramente la meno attraente, ci sono pochi alberi rispetto alle altre e offre pochi punti panoramici. Tuttavia è anche quella con la fioritura più tardiva, quindi può andar bene per chi è in “ritardo” (la differenza è di circa una settimana, rispetto alle altre zone). Il punto migliore di quest’area è il Takagiyama Observation Deck roughly (1,30 ore di cammino dalla stazione della funicolare).

Fonte : http://www.fineartprintsondemand.com/ Katsushika Hokusai -Fioritura al Monte Yoshino

Come arrivare al Mt. Yoshino?

Arrivare a Yoshino non è facilissimo se si vogliono utilizzare le linee JR. Si trova a sud di Nara. Esiste un treno della Kintetsu, espresso per Yoshino, che parte da Kyoto  e in 130 minuti arriva a Yoshino (costo 1200 yen) e richiede un cambio alla stazione Kashiharajingu-mae. C’è anche, sempre della Kintetsu, un Limited Express, che va però obbligatoriamente prenotato (e può essere pienissimo nella stagione in oggetto), ma ci mette di meno (100 minuti) e costa 2480 yen. Se invece avete il JPR e lo volete sfruttare, le cose si complicano un po’: prima bisogna arrivare a Yoshino-guchi (il viaggio dura due ore ma bisogna cambiare treno tre volte: a Nara, poi a Oji , poi alla Takada Stations. Una volta arrivati a Yoshino-guchi si prende un treno della Kintetsu Yosuino Line fino a Yoshino, non compreso nel JPR (30 minuti, 370 yen). Vedete voi se il risparmio di 900 yen vale la pena.

Durante il periodo di fioritura (dal 30 Marzo al 6 Maggio, 2013), è offerto un servizio shuttle tra la stazione di Yoshino e l’area Naka Senbon. Partono 2-4 volte ogni ora e costano 350 yen (per una tratta). Dall’area Naka Senbon, altri bus proseguono fino alla Oku Senbon (15 minuti, 400 yen per una tratta, 1-2 bus all’ora). La zona è chiusa al traffico dalle 09:00 alle 19:00.

 

Previsioni Hanami 2014 [aggiornamento 19 Febbraio]

Ecco le previsioni fatte da japan-guide per l’hanami 2014. Attenzione: previsioni così in anticipo possono rivelarsi poi scorrette o potrebbe sempre esserci un cambio di rotta. Vi terrò aggiornati 🙂

– Link sul mio articolo sull’hanami con alcune informazioni (tra cui i migliori spot nelle varie città)
– Previsioni 2013 con altre informazioni pratiche
– Link per rimanere sempre aggiornati su sakura.wheatermap (in giapponese, ma se usate il traduttore automatico le tabelle sono chiare)

Previsioni 2014: 

Dove Inizio Periodo migliore (top)
Tokyo  29 Marzo Dal 5 al 14 Aprile
Kyoto  27 Marzo Dal 2 all’11 Aprile
Fukuoka  22 Marzo Dal 29 Marzo al 6 Aprile
Osaka  27 Marzo Dal 2 al 10 Aprile
Nagoya  27 Marzo Dal 3 all’11 Aprile
     

Buon hanami a tutti! 🙂