Tre mete “onsen” a nord di Tokyo

Ho già avuto modo di parlare di onsen in passato, ad esempio:

Con questo articolo voglio parlare di tre mete abbastanza interessanti a nord di Tokyo, che potrebbero stuzzicarvi nel caso foste interessati a visitare una onsen town. Sono molto diverse tra loro e sono :

  1. Yumoto Onsen, raggiungibile da Nikko
  2. Kusatsu Onsen
  3. Ginzan Onsen

1.Yumoto Onsen.

Yumoto Onsen si trova a 90 minuti di bus da Nikko, che a sua volta è a circa un paio d’ore da Tokyo, il che ovviamente la rende una meta piuttosto lontana da Tokyo che però si rende “comoda” se avete già in mente una gita a Nikko e potete/volete prolungarla di una notte. Yumoto letteralmente significa “origine di acqua bollente”, la cittadina è all’interno dello stupendo Nikko National Park e si trova vicino al Lago Yunoko (lett. lago d’acqua calda) e consiste principalmente di ryokan e sorgenti di acqua calda. In sostanza a parte fare bagni bollenti non c’è molto altro da fare, c’è un piccolo tempio buddhista con anch’esso una sorgente fruibile dal pubblico. Altra attrattiva del posto è una enorme cascata di 70 metri di caduta, chiamata Yudaki (cascata di acqua bollente) anche se di fatto non si tratta di acqua calda (così come non lo è quella del lago). Il posto è bellissimo soprattutto in autunno (trovandosi molto a nord e in alta quota i colori autunnali sono godibili a metà Ottobre, periodo durante il quale la meta diventa gettonatissima e si possono fare lunghe code per raggiungerla). Nell’area è anche possibile fare delle bellissime passeggiate, una di circa 1 ora intorno al lago Yunoko, e una di 3 ore fino al lago Chuzenji, sulla quale si vedono altre due belle cascate. Potete anche pensare di raggiungere Yumoto in bus, farvi un bagno bollente, e poi fare una bella camminata fino a Chuzenji che ha le sue belle cosine da vedere.L’acqua a Yumoto è acqua sulfurea. Come dicevo questo posto è una piccola cittadina in mezzo al nulla, o meglio immersa nella natura tranquilla e placida e il posto oltre a ciò non offre attrattive particolari. Fate una ricerca su Google Immagini per rendervi conto.

Fonte : AFAR.com

Come raggiungere Yumoto Onsen. Come dicevo, Yumoto si raggiunge da Nikko tramite un bus della linea Tobu bus. Partono dalla Nikko Station (alcuni anche dalla JR Nikko station, per delucidazioni e per sapere come raggiungere Nikko leggete questo articolo). Ci sono circa 1 o 2 bus all’ora. Il viaggio dura circa 80-90 minuti e costa 1650 yen. Esistre un pass da 2 giorni per l’uso illimitato del bus da Nikko a Yumoto Onsen (e viceversa) che costa 3000 yen (li trovate alla Tobu Nikko Station).

Fonte : japan-guide

Per quanto riguarda il pernotto e gli onsen. Come dicevo c’è un tempio buddhista piccolino (Yusen Shrine) con un piccolissimo onsen. Le informazioni le trovate qui. La vasca è una ed è piccola, il prete e la moglie sono i gestori e fanno entrare la gente un po’ alla volta, il prezzo è 500 yen e se c’è molta gente dubito che si possa rimanere a mollo a lungo. Se guardate le foto sembra una piccola vasca segreta immersa nella natura. E’ chiuso da fine Novembre a Marzo.

Oltre a questo i ryokan con onsen la fanno da padroni, va da sè che per poterne usufruire bisogna pernottare. Il pernottamento in un ryokan non è mai economico, i prezzi vanno sui 13,000 yen a notte ma di solito sono comprese colazione e cena e ovviamente l’utilizzo dell’onsen. Eccone alcuni su japaneseGuesthouse, poi ho trovato anche questo splendido ryokan, ma appunto come dicevo Yumoto Onsen è tutta un ryokan.

2. Kusatsu Onsen.

Kusatsu Onsen è una meta molto famosa per gli onsen ed è caraterrizzato da acqua di alta qualità (che si dice curino tutte le malattie tranne il mal d’amore!), dalla grande abbondanza di acque termali e soprattutto dal fatto che qui potete fare una conoscenza a tutto tondo con l’idea e il significato di onsen. La cittadina si trova a 1,200 mt di altitudine ed è anche meta sciistica di inverno o meta per fare belle passeggiate durante l’anno, ovviamente attività supplementari oltre ai bagni caldi!

A differenza della piccolissima Yumoto, Kusatsu offre qualche attrattiva in più ed è meta perfetta per una gita di due giorni. Questo è il sito ufficiale in cui potete trovare tutte le informazioni possibili e delle stupende e significative foto. La parte più caratteristica della città (che vedete nella rappresentativa foto qui sopra) è lo Yubatake (che letteralmente significa campo di acqua calda): questo sistema a scompartimenti di legno comunicanti serve a raffreddare l’acqua. Sì, avete capito bene! L’acqua arriva dalla sorgente talmente bollente (più di 70 C°!) che viene qui raffreddata e poi indirizzata ai vari ryokan/onsen della città, per renderla fruibile all’uomo. In questo circuito passano ben 5000 litri per minuto! La Yubatake è al centro della piccola cittadina, e intorno ad esso ci sono le principali strutture ricettive. C’è anche una vasca in cui è possibile gratuitamente immergere i piedi.

Come raggiungere Kusatsu Onsen da Tokyo. Trovate informazioni chiarissime a questo link.
Brevissimamente io dico che le “soluzioni” sono due, da Tokyo:

  • Passare da Naganohara-Kusatsuguchi: in questo caso prenderete un treno per Naganohara-Kusatsuguchi da Tokyo, il più rapido e conveniente è il Limited Express da Ueno, impiega  2 ore e mezzo e costa 5000 yen sola andata. (Solo 3 al giorno). Potete anche prendere uno shinkansen fino a Takasaki e qui prendere un treno locale per Naganohara-Kusatsuguchi.Una volta qui, un bus JR vi porta a destinazione in circa 30 minuti e costa, 690 yen. Totale : 3 ore, 5690 yen.
  • Passare da Karuizawa:altra alternativa, un po’ più economica se avete il JPR, prendere uno shinkansen da Tokyo a Karuizawa (lo shinkansen Nagano), viaggio dura 70 minuti e costa 5500 yen, ma è compreso nel JPR. Da qui prendete un bus (Seibu Kogen Bus o Kusakaru Kotsu) fino a destinazione (80-100 min, 2200-3880 yen), non coperto dal JPR. Totale: 2200-3880 yen (se avete JPR), circa 2 ore e mezzo.

Attrattive e pernottamento. Il sito ufficiale offe davvero una vasta gamma di informazioni che mi pare superfluo ripetere, in particolare vi consiglio di leggere la pagina sui “bathing style” che spiega tutti i tipi di bagni che si possono sperimentare con le varie tecniche correlate, e vi dice dove potete sperimentarli. In questa pagina invece trovate una lista con prezzi e informazioni di tutte le strutture. Nella pagina “Accomodation” c’è una lista delle strutture ricettive per la notte, avete solo l’imbarazzo della scelta. I bagni pubblici più grandi sono il Sainokawara Rotemburo (dentro l’omonimo parco) [attenzione perchè sarà chiuso fino ad Aprile 2015], l’Otakinoyu con tante vasche a diverse temperature, e il Gozanoyu, stupendo edificio in legno vicino allo Yubatake. Ci sono altre miriadi di piccole strutture, in due delle quali potete provare il particolare  jikanyu, una terapia particolare che consiste nell’immergersi in un’acqua bollentissima (48 gradi) per 3 minuti esatti, letteralmente infatti significa “bagno a tempo”. Oltre al Yubatake centrale ci sono altre cose da vedere:

– Ad esempio presso la Netsunoyu Bath House adiacente lo Yubatake è possibile ogni giorno assistere allo Yumomi: si tratta di un metodo tradizionale per raffreddare l’acqua, cioè rimestandola con delle enormi palette di legno al ritmo di melodie tradizionali. Si può assistere allo spettacolo 3-6 volte al giorno ecosta 500 yen. Alcuni degli spettatori vengono scelti per provare a muovere le palette (che fortuna!).

Yumomi, fonte: japan-guide

– Poi c’è il Parco Sainokawara con il suo Rotemburo [attenzione perchè sarà chiuso fino ad Aprile 2015], un parco tutto quanto attraversato da fiumi e ruscelli di acqua bollente
– l’Onsen Museum
– Camminate nei pressi del Monte Shirane. Informazioni qui.

3. Ginzan Onsen.

Questa città termale è annidata sulle montagne e molto lontana da Tokyo, qui un tempo si trovava una miniera d’argento (infatti Ginzan Onsen significa letteralmente “Sorgenti calde della montagna d’argento”), è una meta molta amata dai giapponesi, con i suoi ryokan allineati affacciati sul fiume. Tuttavia essendo molto lontana da Tokyo non è particolarmente “comoda”, richiede una gita di almeno due giorni e una notte e un lungo viaggio. Più comoda invece se vi trovate già nella zona.

I ryokan di Ginzan sono tradizionalissimi, splendidi edifici in legno di 3 o 4 piani, ed eccezionale del centralissimo Fujiya Ryokan, recentemente ristrutturato dal famoso architetto Kuma Kengo, una sorta di rielaborazione moderna del ryokan tradizionale, che alcuni possono trovare fuori luogo e altri invece apprezzano [Vi consiglio di fare una ricerca su Google di questo ryokan per rendervi conto di quanto è bello e particolare, fossero così anche in Italia gli ecomostri.. ahah]. Sembra di essere immersi in un’atmosfera cinematografica, come se qualcuno avesse costruito per noi un enorme set. La via centrale che costeggia il piccolo fiume (Ginzangawa River) è strettamente pedonale e con i suoi ponticelli è suggestiva in particolar modo la sera, sia che ci siano metri di neve sia quando il clima è tiepido e permette a tutti di fare due passi in yukata.

Chi di voi ha visto il bellissimo film La città incantata di Miyazaky ha già in mente come è fatto un ryokan tradizionale, e anche se l’ispirazione del maestro sa solo lui dove l’ha presa, sicuramente la somiglianza e la struttura sono simili!

Notoya-ryokan

 

Fonte : japan-guide

Ci sono due bagni pubblici (ingresso 300 e 500 yen) e una vasca per immergere i piedi (gratuita) in centro città. Di questi due bagni lo Shiroganeyu è stato disegnato anch’esso da Kuma Kengo. C’è poi l’Omokageyu, bagno privato accessibile per 2000 yen (50 min). Anche i ryokan di solito concedono in uso i loro bagni anche a chi non pernotta, per cifre variabili dai 300 ai 1,500 yen. Molti di questi anno dei bellissimi bagni interni di gusto antico ed evocativo. Oltre a ciò la cittadina offre anche lo spettacolo naturale di una bella cascata di 22 mt che scroscia a piedi della città. Sono inoltre visitabili in parte le vecchie miniere d’argento, risalenti a 500 anni fa, erano il sostentamento della città. Ad ogni modo l’unica parte accessibile è un tunnel illuminato di circa 20 mt. Spingendosi a piedi oltre la cascata per circa 10-15 minuti è possibile visitare una senzione un pochino più lunga, inaccessibile d’inverno a causa della neve. E’ comunque suggestivo vedere da fuori la parte esterna dello strutturamento delle vecchie miniere. Ginzan Onsen, nel complesso, è una cittadina molto piccola che potete attraversare in 10 minuti, le attrattive non sono molte ed è molto lontana da Tokyo, inoltre il pernottamento è in media molto caro, perchè? Ovvio, perchè è un posto spettacolare se vi piace questo genere di cose, tanto è vero che per poter trovare disponibilità a dormire durante l’inverno bisogna prenotare con largo anticipo. Il momento migliore per visitarla è ovviamente a fine autunno o inverno, e trovandosi molto a nord la neve può esserci anche fino ad Aprile.

Ecco il nome di alcuni onsen raccomandati in giro per il web: Nyuto Onsen, Showa-KanFujiya

Come arrivare a Ginzan Onsen. Ginzan Onsen si trova vicino a Sendai, che abbiamo conosciuto in correlazione agli spiacevoli eventi del 2011 quando lo tsunami ha devastato questa zona a nord di Tokyo. Da Tokyo prendete lo Yamagata Shinkansen fino a Oishida (4 fermate dopo Yamagata), il viaggio dura 200 minuti e costa 12,000  yen. Da qui parte un bus per Ginzan (attraversate i binari per prenderlo) ogni ora circa, impiega 35 minuti e costa 710 yen. A parte il bus, lo shinkansen è coperto dal JPR, e visto il costo direi che è altrimenti improponibile. Se avete prenotato in uno dei ryokan chiedete se hanno un servizio di pick-up gratuito dalla stazione di Oishida.

Annunci

Nikko : cosa fare e vedere

Per le informazioni su come raggiungere Nikko e come spostarsi a Nikko, leggete questo mio articolo.

Links :

– Nikko Tourist Association  (informazioni in inglese molto dettagliate su Nikko e Dintorni)

– Mia visita a Nikko del 2010, mia visita a Nikko nel 2011

Come ho scritto nel mio precedente articolo, Nikko è particolarmente semplice da visitare perchè tutti i punti di interesse sono concentrati in un unico luogo, il World Heritage Museum. E’ un sito PATRIMONIO UNESCO di inestimabile bellezza. Si trova nella parte est della città, immerso nei boschi. Nikko è una meta turistica molto gettonata, per evitare la ressa di turisti cercate di andarci in un giorno infrasettimanale e il più presto possibile. In autunno Nikko è particolarmente affollata poichè è una meta perfetta per godere dei colori autunnali.

Come potete vedere dalla mappa, ogni tempio/santuario ha la sua “area”. Arriverete passando accanto al celebre ponte Shinkyo (“ponte sacro”) : un vivace ponte dal colore rosso che collegava le sue rive del fiume. Questo ponte tecnicamente appartiene al Santuario Futarasan. E’ considerato uno dei tre ponti più belli del Giappone, insieme al Iwakuni’s Kintaikyo e il ponte Saruhashi nella Yamanashi Prefecture. L’attuale ponte è stato costruito nel 1636,  ma sicuramente aveva un precedessore molto più antico, anche se non c’è chiarezza riguardo il momento in cui fu costruito il primo ponte. Secondo la leggenda il ponte si trova nel punto in cui il monaco buddhista Shodo Shonin avrebbe attraversato il fiume a cavallo di due serpenti.  Fino al 1973 il ponte era inaccessibile, ma poi fu rinnovato completamente alla fine degli anni 90 e poi nel primo decennio del nuovo secolo, quindi adesso è possibile anche attraversarlo (per 300 yen). Tuttavia lo si gode di più passando per il moderno cavalcavia che ci passa di fianco! Lo spettacolo che offre è davvero suggestivo.

World Heritage Site. Una volta attraversato il ponte, troverete di fronte a voi l’accesso al World Heritage Site, cui si accede tramite una scalinata in mezzo al bosco relativamente breve. Vi troverete di fronte l’enorme Rinnoji. Qui si trova anche la biglietteria principale dove potete acquistare il biglietto cumulativo (vedi sotto). Da questo momento entrerete in un mondo quasi fiabesco, tra alberi giganteschi e atmosfera sacra! Come potete vedere dalla mappa, la zona è divisa in 4 aree, ognuna ospita un santuario :

1 – Il Rinnoji (clicca qui per scaricare la scheda in italiano). N.B. La Sanbutsudo (l’edificio principale) è al momento in ristrutturazione. I lavori dureranno fino a Marzo 2021. L’edificio è coperto da una struttura sulla quale è graficamente riprodotto l’edificio (ovviamente non rende molto). L’interno è comunque visitabile (a pagamento, compreso nel biglietto cumulativo).

2- Il Toshogu (clicca qui per scaricare la scheda in italiano). N.B. Anche il Toshogu è attualmente in ristrutturazione (per ulteriori info leggi la scheda)

3 – Il Futarasan (clicca qui per scaricare la scheda in italiano)

4 – Il Taiyu-in (clicca qui per scaricare la scheda in italiano)

Ognuno di questi è ovviamente un COMPLESSO, composto cioè da numerosi edifici.

Biglietto cumulativo. Se avete intenzione di visitare tutti e quattro i siti qui sopra, vi conviene acquistare il biglietto cumulativo presso una delle biglietterie. Questo biglietto è valido per due giorni, costa 1000 yen, comprende l’ingresso a tutti. Non sono comprese nel biglietto cumulativo alcune cose che potete pagare a parte, per informazioni dettagliate faccio riferimento alle schede che ho inserito sopra [sono, ad esempio, esclusi la statua del gatto dormiente e la tomba di Ieyasu nel Toshogu] Il biglietto comulativo da 1000 yen non è più in vendita [aggiornamento Nov 2014]

Kanmangafuchi Abyss. E’ un santiero alberato lungo il quale è disposta una serie di statue jizo (le piccola statue in pietra del Buddah protettore dei viaggiatori e dei bambini). A metà sentiero, una statua chiamata Bake-jizo sembra farsi beffe dei visitatori che tentano di contare tutti i jizo (si dice che il loro numero sia incalcolabile, sono circa 70). Questo particolare gruppo di Jizo è chiamato alternativamente “Bake Jizo” (fantasma Jizo), “Narabi Jizo” (Jizo in linea) e “Hyaku Jizo” (100 Jizo). Il Kanmangafuchi Abyss fu formato da un’eruzione del monte Nantai, il sentiero offre la vista su un bellissimo paesaggio e attraversa il Giardino Botanico di Nikko. Per arrivarci dovete girare a sinistra dopo il ponte Shinkyo e percorrere circa 800 metri. Oppure con il bus (fermata alla Tamozawa Imperial Villa o Botanical Garden, leggi questo articolo per maggior informazioni), a circa 10-15 minuti di cammino dalla fermata, attraversando l’area residenziale.

Tamozawa Imperial Villa. La Tamozawa Imperial Villa è raggiungibile o a 20 minuti a piedi dal World Heritage Site oppure con un bus di quelli diretti al lago, fermata omonima (il viaggio costa 300 yen sola andata). La Villa fu residenza estiva della famiglia imperiale, è oggi un museo aperto al pubblico immerso in una cornice naturalistica affascinante. Clicca qui per scaricare la scheda. Ingresso : 500 yen.


Trasporti a Nikko : come arrivare, bus e pass

Se avete qualche giorno da passare a Tokyo, non esitate a dedicarne uno (o due) per fare una gita a Nikko, ne vale veramente la pena. Nikko è una popolare meta turistica, in quanto contiene numerosi monumenti storici (alcuni molto antichi) che le sono valsi l’inserimento nell’elenco dei Patrimoni UNESCO dell’Umanità. Questo articolo riguarda i trasposti, se siete interessati a informazioni su cosa vedere/fare leggete quest’altro.

Links utili :

Nikko City WebSite

Nikko su japan-guide (English)

Nikko è una cittadina che si trova a  125 km nord di Tokyo : per raggiungerla ci vogliono circa due ore di treno, per questo motivo, se avete intenzione di andare e tornare in giornata, vi conviene partire da Tokyo relativamente presto. Nikko si trova ad una quota abbastanza elevata, circa 800mt, quindi il clima è diverso da quello di Tokyo, a meno che non sia estate vi conviene quindi preventivare di portare cose calde da indossare, soprattutto se avete intenzione di fermarvi fino a sera. Naturalmente a Nikko sia la fioritura dei ciliegi in primavera che il cambio di colore del fogliame in autunno sono in ritardo ed in anticipo rispetto a Tokyo.

Come arrivare.  Nikko è connessa a Tokyo sia dalla JR che dalla Tobu Line. L’ultima parte del viaggio è molto suggestiva in quanto il treno sale in mezzo ai boschi.

1) Per i possessori del JPR naturalmente è conveniente utilizzare la linea JR, che prevede un cambio ad Utsonomiya. Prenderete il JR Tohoku Shinkansen fino ad Utsonomiya (Dalla stazione di Tokyo o da Ueno). Ad Utsonomiya prenderete la JR Nikko Line fino a Nikko. Questa opzione costa circa 5,000 yen per questo motivo è conveniente solo se avete il JPR. Il viaggio dura in totale circa 100 minuti.

2) Per chi non ha il JPR le soluzioni sono due :

A) Prendere un treno della Tobu-Nikko Line che collega Asakusa a Nikko e ci impiega circa due ore e costa 1320 yen. Su questa linea passano durante la giornata anche degli espressi che ci impiegano meno tempo ma costano il doppio (2650 yen) : si chiamano Kegon. Attenzione : Questa tratta è compresa in alcuni Pass per Nikko (vedi dopo) ma NON del JPR.

B) Prendere il Limited-Express che connette direttamente Nikko a Shinjuku. Ci impiega circa due ore e costa 3,900 yen (obbligo di prenotare il posto). Attenzione : questo treno nasce dalla cooperazione tra la JR e la Tobu Nikko Line : solo la prima parte del tragitto è coperta dal JPR, se lo volete prendere utilizzando il JPR dovrete pagare una cifra addizionale per l’utilizzo di una tratta di ferrovia della Tobu Line (1,900 yen). Per chi ha il JPR è molto meglio la prima soluzione.

N.B. Se arrivate a Nikko con la JR Nikko Line arriverete alla stazione JR di Nikko. Se arriverete con la Tobu Line arriverete alla stazione Tobu Nikko. Queste due stazioni si trovano in due punti diversi della città, ma sono comunque vicine tra di loro. Quando dovrete prendere il treno per tornare a Tokyo, vi raccomando di andare a prenderlo nella stazione giusta, a seconda della linea che utilizzerete.

Orientamento e mezzi una volta arrivati. Una volta arrivati a Nikko in una delle due stazioni, vi troverete nella parte est della cittadina.

I luoghi di interesse si trovano tutti compatti nella parte Ovest, che si trova a circa 2 km dalla stazione di Tobu Nikko. Potete raggiungerli o a piedi (in circa 20-25 minuti di cammino, strada lievemente in salita) oppure con un bus (che potete prendere di fronte alla stazione di Tobu-Nikko. Ci mette 10 minuti e la corsa costa 300 yen. Esiste un pass giornaliero da 500 yen). La strada che percorrerete si chiama Route 119 e attraversa tutta Nikko, ci sono parecchi negozi e ristoranti, è una stradina piacevole (che potete comunque riservare per il ritorno). Per quanto riguarda il bus, potete prendere sia il bus della linea World Heritage Meguri, che collega la stazione e il World Heritage (vedi dopo) compiendo una giro circolare circa ogni 15 minuti, oppure salire sul bus diretto al lago Chuzenji e scendere alla fermata “Shinkyo” o “Nishisando” (a circa 10 min dai templi).  Attenzione : L’ufficio turistico di Nikko non si trova in stazione ma sulla route 119 più o meno a metà strada fra le stazioni e il World Heritage Museum.

Da Nikko potete poi raggiungere la Tamozawa Imperial Villa e, più lontano ancora, la zona Okunikko che comprende il Lago Chuzenji e Yumoto Onsen.  Un viaggio di sola andata per il  Lake Chuzenji impiega 50 minutes e costa 1100 yen; per Yumoto Onsen impiega 80 minutes e costa 1650 yen.

– Esiste un pass di 2 giorni per uso illimitato del bus da Nikko al lago, costa 2,000 yen.

– Il pass da 2 giorni per l’uso illimitato del bus da Nikko a Yumoto Onsen costa 3000 yen (li trovate alla Tobu Nikko Station).

Attenzione : durante la stagione autunnale durante le quali i colori delle foglie degli aceri cambiano, a Nikko e soprattutto al lago Chizenji si possono godere spettacoli meravigliosi. Per questo motivo, soprattutto nei week-end, sulla strada che porta da Nikko al lago e poi a Yumoto Onsen, può esserci un traffico terrificante, tanto da rendere praticamente impossibile raggiungerli evitando code di ore. Se siete in questa stagione e volete godere lo spettacolo, evitate il week-end possibilmente.

Pass. Per visitare Nikko da Tokyo esistono molte varietà di Pass molto convenienti. Questi Pass comprendono quasi tutti il viaggio da Tokyo, quindi se avete il JPR probabilmente la convenienza sarà poca o nulla. Poichè ne esitono molti vi mando direttamente alla pagina di japan-guide che li spiega uno per uno, mi sembra inutile riportare una così grande mole di dati alla quale potrei aggiungere ben poco. Questo è il link.

Se volete saperne di più sugli itinerari possibili e su cosa c’è di interessante da fare a Nikko leggete questo articolo.