Kyoto nord-ovest

Il Padiglione d’oro [Foto 2011]

Questo articolo è dedicato alla zona nord-ovest di Kyoto, famosa soprattutto per il Kinkaku-ji [Padiglione d’oro], ma dove sono presenti anche altri gioielli come il Ryoan-ji [celebre per il suo rock garden] e l’immenso complesso del Daitoku-ji [e quando dico immenso, intendo immenso!].

Links che potrebbero interessarvi :

– Il mio itinerario per Kyoto.
– Le mie giornate in questa zona : viaggio 2010, viaggio 2011
– KYOTO WALKS (pag 4- 6)
– Info su come muoversi a Kyoto : link.

Come arrivare. A seconda del vostro itinerario :

– Raggiungete la zona del Ninna-ji/Ryoan-ji con i bus 12,59 o 10. Se avete il Japan Rail Pass, potete arrivare utilizzando un bus della JR che connette la stazione centrale a Ryoan-ji, ci impiega circa 30 minuti e costa [se non avete il pass] 220 yen. Il Ryoan-ji è anche raggiungibile utilizzando la linea Keifuku Kitano, si tratta di un trenino che attraversa la zona residenziale a nord di Kyoto e connette quest’area, tra l’altro, con Arashiyama. Scendete alla stazione Ryoanji-michi, si trova a circa 10 minuti a piedi dal tempio. N.B. Nel caso abbiate poco tempo potete contrarre in un unico giorno la visita a Kyoro nord-ovest [oggetto di questo post] e quella ad Arashiyama, proprio utilizzando la linea Keifuku Kitano : in questo caso vi consiglio di limitarvi alla visita del Padiglione d’Oro e del Ryoan-ji, e poi dirigervi ad Arashiyama (il viaggio dura 20 minuti e costa 200 yen, non compreso nel JPR). Per la visita ad Arashiyama vi rimando al mio articolo.

Il Kinkaku-ji si trova a poca distanza dal Ryoan-ji, lo potete raggiungere a piedi oppure con il bus N°59.

– Il Daitoku-ji è invece posizionato nei pressi della fermata Daitkoji-mae (bus N° 101, 205 o 206 dalla Kyoto Station, 45 minuti, 220 yen) o a cinque minuti dalla fermata Kitaoji-Horikawa (Bus N°9 dalla Kyoto Station, 220 yen, 30 minuti). Alternativamente potete prendere la metropolitana linea Karasuma fino alla stazione Kitaoji (13 minuti, 250 yen) e poi raggiungere il tempio a piedi (15 minuti) o con poche fermate di bus (220 yen).

Aiutatevi con la mappa qui sotto [presa dalla Kyoto Bus Map che vi ricordo vi potete procurare in qualsiasi stazione di Kyoto sia dei treni che della metro, gratuitamente]


Cosa fare/vedere : itinerario.

Il mio itinerario [che può essere “invertito”] è pensato a chi può dedicare una intera giornata alla visita di questa parte della città. Visiterete alcuni dei templi più famosi non solo di Kyoto ma del Giappone intero, situati in una tranquilla zona residenziale giapponese, piacevole da attraversare a piedi. Se vi interessa [ a seconda della programmazione] c’è la possibilità di inserire anche la visita ad un museo nel percorso. Dopo aver visitato il Daitoku-ji e aver bevuto del buon tè (gratuito) nella sala da tè che si trova all’interno, consiglio per chi ha voglia di recarsi al Funaoka Onsen, per vivere una esperienza autentica in un onsen pubblico e rilassarsi dopo una giornata abbastanza pesante🙂 Il Ninna-ji e il Daitoku-ji sono entrambi due complessi molto ampi, potete scegliere di visitare solo una dei due (tra i due io consiglio il secondo).

1 – Ninna-ji. Sito ufficiale ENG. Scarica SCHEDA.

Orario : dalle 09:00 alle 17:00 (solo fino alle 16:30 da Dicembre a Febbraio)
Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura
Chiusura : nessun giorno di chiusura
Ingresso : l’ingresso è libero, ma se volete entrare nel Goten è di 500 yen; durante la fioritura dei ciliegi anche l’ingresso è a pagamento (500 yen)

Ampio complesso celebre soprattutto per i suoi giardini, colorati da un particolare tipo di ciliegio che potete trovare solo qui, il Ciliegio Omuro, che si distingue per il suo basso fusto e per una fioritura tardiva. Per ulteriori informazioni, scarica la scheda.

Fonte : japan-guide

Mappa degli edifici, presa dal sito ufficiale

2 – Ryoan-ji. Link sito ufficiale [ENG]. Scarica SCHEDA.

Orario : dalle 08:00 alle 17:00 (dalle 08:30 alle 16:30 da Dicembre a Febbraio)
Chiusura : nessun giorno di chiusura
Ingresso : 500 yen

Il Ryoan-ji si trova a pochi minuti di distanza a piedi dal Ninna-ji. È famoso soprattutto per il suo classicissimo giardino zen, che è esattamente quello a cui noi pensiamo quando ne sentiamo nominare uno. Di grande bellezza anche i suoi giardini, sia quello principale intorno ad un lago, sia quelli retrostanti caratterizzati da una particolare potatura degli alberi. Ulteriori info sulla scheda.

Fonte : japan-guide

3 –  Kyoto prefectural insho-domoto museum of fine arts

Tra il Ryoan-ji e il Kinkaku-ji [distanza che potete tranquillamente coprire a piedi] si trova questo museo. Potrebbe interessarvi per “spezzare” la catena di templi. Il museo allestisce esibizioni non permanenti, quindi variabili a seconda del periodo. Controllate prima del viaggio che cosa è allestito nel periodo in cui sarete lì e vedete se può interessarvi. Adesso ad esempio è in corso una esibizione molto bella sul cambiamento dei colori a Kyoto dall’autunno all’inverno.

4 – Kinkaku-jiScarica la scheda.

Orario : dalle 09:00 alle 17:00
Chiusura : nessun giorno di chiusura
Ingresso : 400 yen

Il Kinkaku-ji, cioè il Padiglione d’Oro, è in assoluto uno dei più famosi spot di tutto il Giappone. Fratello maggiore del Padiglione d’Argento [Vedi mio articolo su Higashiyama Nord], stupisce sotto tutti i punti di vista : i suoi giardini, la sua magnificenza [è completamente ricoperto d’oro], la sua storia [il tempio fu incendiato da un monaco folle] e l’atmosfera che si respira.

Mappa stilizzata del Kinkaku-ji

4BIS – Haradani-en. Prima della tappa successiva, se avete la fortuna di essere a Kyoto durante l’hanami, potrebbe interessarvi visitare questo bellissimo parco privato con una vegetazione spettacolare. Link qui all’articolo relativo.

5 – Daitoku-ji. Scarica la scheda. Il Daitoku-ji è un complesso di enorme vastità al cui interno si trovano diversi templi visitabili, scegliete voi quali potrebbero interessarvi. Gli orari per ognuno di loro sono specificati nella scheda, vanno comunque circa dalle 09:00 alle 17:00 e il prezzo per l’ingresso in ognuno è di circa 400 yen.

Il Daitokuji è un grandissimo complesso ed è il tempio principale della sezione Rinzai del Buddhismo Zen giapponese. Il complesso consiste in circa due dozzine di sub-templi ed è uno dei migliori posti in tutto il giappone per ammirare diversi tipi di giardini zen e anche fare esperienza con la cultura e soprattutto l’architettura zen.

5-bis – Se volete a nord-ovest del Daitoku-ji c’è il santuario Imamiya (Imamiya Jinja), a cui si accede attraverso un grande gate rosso : qui potete assaggiare dei dolcetti particolari  chiamati “aburimochi” che vengono serviti su alcuni spiedini.

6A – Funaoka onsen. Il Funaoka Onsen è segnalato dalla guida Lonely Planet. Si trova a circa mezzo km a sud del completto del Daitoku-ji e può quindi essere raggiunto a piedi. Per individuare esattamente la sua posizione cercate Funaoka Onsen su Google Map, la fermata di bus più vicina è la Senbon/Kuramaguchi (bus 206). Si trova vicino ad un Lawrence Convenience Store ed è riconoscibile dalle rocce che ci sono all’ingresso. Trovate alcune recensioni e foto qui, che possono aiutarvi a riconoscerlo. Non aspettatevi assolutamente una spa o un posto di lusso, si tratta di un piccolo onsen cittadino, o per meglio dire si tratta di un bagno pubblico (come sapete molto diffusi in Giappone. Ho scritto un articolo su etichetta da tenere qui “Bagni pubblici, come funziona?“). Il Funaoka onsen è aperto dalle 15:00 alle 01:00 (La Domenica è aperto dalle 08:00 del mattino). Tel: 075-441-3735. 

6B – Se non vi interessa andare in questo semplice onsen, potete tornare in città, magari dirigervi al Nishiki Market!

Cosa leggere? Potrebbe interessarvi, in occasione della visita al Padiglione d’oro, leggere questo libro : “Il padiglione d’oro” scritto dal celebre Yukio Mishima. Questo libro, di facile reperibilità, è un romanzo nel quale l’autore cerca di immaginare e descrivere la vita e i pensieri di Hayashi Yoken, giovane monaco e apprendista che viveva presso il Padiglione d’oro e che nel Luglio nel 1950 gli diede fuoco. Si tratta di un libro abbastanza impegnativo ma piuttosto breve, molto interessante se vi apprestate a visitare il Kinkaku-ji,  che potrebbe darvi anche l’occasione di conoscere Mishima, uno degli scrittori più famosi e più controversi della storia della letteratura giapponese. 

Spero di non essermi dimenticata nulla e di essere stata utile, al prossimo articolo. Vi ricordo che potete commentare o fare domande sia qui che sulla mia (nuova) pagina Facebook “zugojapan“!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...