Sera a Kyoto – Gion Corner

A Kyoto non avete sicuramente problemi a decidere come passare la serata, una tra le tante cose che potrebbe interessarvi fare è assistere ad uno spettacolo presso il Gion Corner.

Il Gion Corner è sito nella Yasaka Hall vicino al Teatro Gion Kobu Kaburenjo,  presso il quale prendono vita delle performance aristiche “per turisti”, o meglio dei piccoli assaggi delle più tradizionali arti giapponesi. Tengo a specificare per prima cosa quello che gli stessi organizzatori [molto onestamente] dicono : questo spettacolo è solo esemplificativo di qualcosa di molto più spettacolare. Si parla di espressioni artistiche con centinaia di anni di storia, che sono state nei secoli affinate e perfezionate. Quello che vedrete sono dei brevi esempi che servono a chi non è del mestiere/chi non le conosce a farsi un’idea di come appaiono. Insomma è una cosa per non addetti al mestiere, magari appunto dei turisti che vogliono farsi un’idea visiva di tutte quelli nomi che con ricorrenza si leggono sulla guida e andando in giro per il Giappone come “cerimonia del thè” e “bunraku“. Quindi non assisterete a una vera cerimonia del thè, nè ad un vero spettacolo di bunraku, ecc.ecc. ma solo a delle riproduzioni a scopo illustrativo. Se volete assistere a vere performance allora vi toccherà muovervi diversamente e andare a vedere performance specifiche : cosa non impossibile da fare ma sicuramente impegnativa dal punto di vista sia del tempo, sia dell’organizzazione, sia del costo. Al Gion Corner invece potete nel giro di un paio di ore e ad un costo moderato assistere a piccoli pezzetti di tutte le “arti”. Se questa cosa non vi piace o vi sembra troppo farlocca, interrompete qui la lettura [ho dato la mia opinione in fondo a questo articolo].

Performance di una maiko al Gion Corner

Come arrivare? Come suggerisce il nome, il Gion Corner si trova a Gion, quartiere nel centro di Kyoto. Potete raggiungere il teatro utilizzando il bus fino alla fermata “Gion” [ci arrivano numerosi mezzi tra qui il 100, il 206, i 12, il 46, insomma ampia scelta. Cliccate qui per la mappa in HD dei mezzi di Kyoto, la fermata Gion è in basso a destra].
Oppure potete prendere un treno della Keihan Line fino alla Gion Shijo Station. In alternativa potete scendere alla fermata Kawaramachi della Hankyu Line. Io consiglio di prendere il bus, qui sotto inserisco una mappa di Google Maps che indica il percorso da fare quando scenderete alla fermata Gion [punto A] fino all’ingresso del Gion Corner [punto B].  Cercate di non perdervi nelle viette retrostanti il Teatro [come è successo a noi!] e  tenete presente che se userete il bus, quella zona di Kyoto la sera è piuttosto affollata quindi potreste rimanere un po’ bloccati nel traffico, quindi uscite con largo anticipo.

Mappa presa dal sito ufficiale

L’indirizzo del Gion Corner è : Yasaka Hall, 570-2 Gionmachi Minamigawa, Higashiyama-ku, Kyoto, tuttavia il mio spassionato consiglio è [nel caso vi perdiate] di chiedere di Hanami Koji-dori, oppure per il Teatro Gion Kobu Kaburenjo.

In cosa consiste lo spettacolo? Lo spettacolo dura circa 1 ora e mezzo e vi fa assistere ad un assaggio delle “arti” che elenco qui sotto. Quando comprate il biglietto vi viene fornito un dettagliatissimo e davvero utile pamphlet che spiega in maniera chiara e dettagliata che cosa andrete a vedere [in inglese]

Kyo-mai Dance : Originaria di Kyoto, questa è una danza elegantissima di una maiko nel suo splendido kimono. [vedi immagine all’inzio dell’articolo]
Arrangiamento floreale : L’arte di creare e godere della preprazione di vasi con fiori e altri materiali.
Koto Zither : Il “koto” è un antico strumento a sei corde giapponese suonato con plettri d’avario che produce un suono molto particolare.

Arrangiamento floreale [sinistra] e Koto Zither [destra]

Musica di corte Gagako : Gagaku è il nome di una musica indigena giapponese che veniva suonata e danzata presso la corte imperiale, i templi ed i santuari. Qui ne assisterete ad un esempio accompagnato da danze.

Gagako [musici sulla sinistra, danzatore in centro]

Cerimonia del thè : qui vedrete le cerimonia di tipo “ryurei”. Per rendere la cosa più “realistica” [si fa per dire] verranno scelti un paio di spettatori come ospiti, ai quali verrà appunto servito il thè. Poichè gli stranieri non sono abituati/capaci di sedere sul tatami, verranno fatti accomodare su uno sgabello.

Un momento della cerimonia del the

A questi due spettatori fortunati viene offerto il the [scusate la pessima qualità della foto]

Kyogen : il kyogen è una forma di recitazione teatrale che mette in scena scene di vita comune in maniera comica/divertente. Assisterete alla scena di uno spettacolo più ampio, la trama viene spiegata nel pamphlet, dove c’è anche la traduzione di tutte le battute.

I tre buffi protagonisti dello spettacolo di kyogen

Bunraku : il celebre bunraku mette in scena uno spettacolo in cui le marionette sono di grandi dimensioni e vengono fatte muovere da tre persone, due delle quali sono completamente vestite di nero e sono quindi praticamente invisibili.

Bunraku

Altre informazioni utili.  [Link al sito ufficiale]

Orario : Ci sono due spettacoli al giorno, uno comincia alle 18:00 e l’altro alle 19:00. [Da Dicembre a Marzo non tutti i giorni, informatevi prima]
Chiusura : 16 Luglio, 16 Agosto, dal 29 Dicembre al 3 Gennaio
Prezzo : 3,150 yen [adulti], 2,200 yen [da 16 a 22 anni]. Se volete spendere meno stampate ed esibite questo coupon [abbassa il prezzo a 2,800 yen]

All’interno del teatro ci sono anche delle vetrinette piuttosto carine che espongono abiti di scena, e altri oggetti interessanti [nelle visione dei quali potete intrattenervi nel caso arrivaste in anticipo].
La via su cui si trova l’accesso al Gion Corner [Hanami Koji-dori] è un vero gioiello : si tratta di una via piuttosto stretta sulla quale si affacciano case da tè (machiya) e ristoranti tradizionali molto belli [anche se si vedono solo dall’esterno], qui potreste avvistare una maiko o una geisha.

Opinione personale. Al Gion Corner non si vede nulla di staordinario, ma si riesce a farsi un’idea visiva/reale di molte cose che magari non abbiamo occasione di vedere nella loro sede naturale [e soprattutto nel nostro primo viaggio!]. Lo trovo un modo interessante per passare la serata e farsi un’idea di come sia una cerimonia del thè e le altre cose. Il libretto informativo che viene dato all’ingresso è molto utile, ma è solo in inglese, per cui se non sapete l’inglese informatevi con anticipo nel dettaglio [se vi interessa]. La parte di spettacolo recitato invece sarà per voi ingodibile non avendo la traduzione. Mi ha fatto piacere esserci andata ma non tornerò a rivederlo, anche perchè trovo il prezzo piuttosto salato [lo spettacolo non dura molto, però è vero che ci sono in scena moltissime persone]. La cosa che mi è piaciuta più di tutte ed è valsa lo spettacolo è sicuramente il bunraku [tanto che per il mio prossimo viaggio sto cercando di trovare il mondo di vedere uno spettacolo completo di questo], resterete sicuramente ammaliati e stupefatti dalla grazia e fluidità con cui viene mossa la marionetta [sì, ne entra in scena solo una purtroppo] : non solo sembra viva, ma sembra autonoma! Infatti i tre manovratori vestiti di nero [su sfondo nero] sono praticamente invisibili e fanno dei movimenti molto elaborati! Molto carina e comica anche la scenetta di kyogen. Anche entrambe le parti musicali sono belle. Non valgono monto invece l’arragiamento floreale e la cerimonia del tè secondo me, ma comunque illustrative lo sono.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...