12 Nov 2011 – Giorno 11 – Shibuya e Harajuku

Un’altra bellissima giornata!

Siamo stati a Shibuya e Harajuku! Oggi era Domenica quindi non sapevamo se aspettarci un casino sopra la media, oppure calma piatta. Indovinate cosa abbiamo trovato?🙂

Stamattina ce la siamo presa comoda, siamo usciti per le 9. In giro c’era già gente al lavoro :

Gli urloni! (ce ne sono tantissimi!)

Due vigili per gestire una svolta!

Abbiamo notato che Shinjuku era piena di gente che PULIVA. Evidentemente il Sabato sera qui c’è un casino oltre misura, quindi la mattina dopo sono pronte schiere di pulitori, dagli spazzini ai lavavetri. Pensate che nella metro ogni mattina passa il tipo con la lucidatrice di pavimenti!

Shibuya è famosa per il celebre “Shibuya crossing”, l’incrocio pedonale da cui ogni giorno passano più persone nel mondo! Appena usciti dalla metro c’è anche la statua di Hachiko, luogo dove di norma molti giapponesi si danno appuntamento!

C'era un mucchio di gente che "aspettava" qualcuno🙂

Shibuya era affollata proprio come “doveva” essere : nonostante non fossero nemmeno le 10 del mattino, c’era già un gruppo rock che suonava a tutta birra davanti all’ingresso del celebre “Shibuya 109”! Comunque basta poco per allontanarsi dalla ressa, basta girare nelle tante e coloratissime viette laterali🙂

Abbiamo trovato lo stupendo TOKYU HANDS, una sorta di paradiso in Terra! E’ una specie di grande magazzino che però vende solo.. come dire… oggetti per ogni edificio della casa. Dal bagno alla cucina, al cucito al balcone, etc.etc. C’è anche il reparto scienza con tutti gli alambicchi *_* E’ un posto bellissimo con tante cose stravaganti e assurde (nonchè utili!!). Ci sarei stata volentieri 10 ore a piano😦

Camminando verso nord siamo arrivati allo Yoyoji Park, ci è piaciuto molto perchè oltre ad essere ben curato era anche molto allegro e pieno di persone (complice sicuramente la bellissima giornata!). C’era chi faceva sport, chi giocava, chi si esibiva, e chi vendeva da mangiare (figuriamoci se manca!).

Viale che porta all'ingresso del parco🙂

All’interno di questo parco c’è il Meji Jinju, il santuario più grande e frequentato di Tokyo. Siamo stati fortunati (sfortunati?) perchè era giornata di cresime e di matrimoni : c’era tantissima gente e tantissime spose e tantissimi bambini vestiti in maniera tradizionale!

Per arrivare a questo santuario si percorrono circa 2 km in mezzo al parco, che in questo caso è più una sorta di BOSCO!

Posteggio passeggini!

Va bene il fuso, ma mettersi a dormire proprio lì?🙂

Ci siamo poi diretti a Takeshita-dori, la via dello shopping un po’ underground/zarro/originale/anticonformista. Guardate quanta gente!

C’erano dei negozi stupendi, alcuni molto stravaganti, purtroppo la ressa era tale che è stato praticamente impossibile comprare nulla (almeno per me… io ho bisogno di aria per decidere cosa acquistare!!). Quindi l’abbiamo percorsa tutta, lasciandoci trascinare dalla folla!

Piano piano lasciando alle spalle Takeshita-dori ci si ritrova in Omotesando, che rappresenta ideologicamente l’opposto : lo shopping di “lusso”. Gucci, Versace, Dior e così via… dato che nè io nè Stefano siamo inseressati, e la via non era niente di particolare, abbiamo fatto un breve pezzo e siamo tornati indietro. Abbiamo pranzato in un bel localino in una vietta laterale : Stefano ha mangiato un piatto di spaghetti ai frutti di mare (era in astinenza!!) e io delle polpette di risotto ai broccoli (ottime!). Dopodichè ci siamo fatti una delle fantastiche crepes giapponesi🙂

Siamo tornati a casa presto per avere le forze per uscire dopo! Dopo un pisolino ci siamo spinti fino ai grattacieli di Nishi-Shinjuku, impressionante! Abbiamo preso l’ascensore per l’Osservatorio che si trova al 45esimo piano del Government Office, un grattacielo a due torri molto famoso. Tokyo da quell’altezza è semplicemente sorprendente. Non finisce mai🙂

Per cena abbiamo mangiato lo shabu-shabu : ti portano un pentolone e te lo piazzano sul tavolo sopra ad un fornelletto. Dentro c’è un brodo (non ben definito) e delle verdure. Poi ti portano la carne a pezzettini e ce la fai cuocere dentro, quando è cotta la prendi con le bacchette a la passi in una salsa a base di salsa di soia e rapa, e te la pappi! Noi abbiamo preso il “set menù shabu shabu” che costava 22 euro a testa e ci hanno portato da mangiare fino a SCOPPIARE (alla fine era sazio pure Stefano!!!)

Ecco il pentolone!

Alcune delle cose che ci hanno portato (ma ce ne sono state molte molte altre!)

E’ stata una bellissima giornata!

Un bacio a tutti,

Martina e Stefano

 

 

 

 

 

2 thoughts on “12 Nov 2011 – Giorno 11 – Shibuya e Harajuku

  1. Giuro, mi hai fatto moltiplicare a livelli esponenziali la voglia di andare in Giappone! ><
    Il tuo diario è molto interessante e le foto molto carine. Complimenti! ^^

  2. Grazie Kanmuri🙂
    Spero di averti dato qualche informazione per il tuo viaggio, perchè lo stai organizzando vero? :):):):)
    Io ho voglia di ripartire più o meno 3 volte al giorno ç______ç

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...